Apotropaico. Adesso a Chi Vuol Essere Milionario si ripetono le domande

Ve lo chiedo in tutta franchezza: in vita vostra quante volte avete sentito la parola “apotropaico”? A me è capitato in due sole occasioni: questa sera, 31 Marzo 2011, e le sera del 25 Dicembre 2009. In entrambi i casi si è trattato della trasmissione televisiva “Chi Vuol Essere Milionario”. Ma come? Due domande riferite allo stesso aggettivo nel medesimo programma?

Ne parlavo proprio ieri (post Ohibò, secondo la trasmissione Chi Vuol Essere Milionario Helsinki si trova in Scandinavia): rispetto ai promettenti esordi il quiz condotto da Gerry Scotti è in netto calo di professionalità.

Per la cronaca la domanda proposta la sera di Natale di due anni fa chiedeva di determinare quale fosse l’aggettivo più appropriato per definire il gesto (tipicamente extrapadano) del “fare le corna”.

Ne La Dama Con L’Ermellino di Leonardo sia la donna che l’animale guardano…

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Dall’osservazione di quali animali delle Galapagos Darwin elaborò la sua teoria sull’evoluzione?

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

“La tua statura assomiglia a una palma e i tuoi seni ai grappoli. Salirò sulla palma, coglierò i datteri”

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Cosa significa apotropaico?

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Quale tra queste attrici non ha mai recitato in un film di fantascienza hollywoodiano?

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Quale di questi frutti esiste veramente?

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Logo Google dedicato a Bunsen

Il 31 Marzo 1811 veniva alla luce in quel di Gottinga il grande chimico tedesco Robert Wilhelm Eberhard Bunsen di cui ricorrono oggi i duecento anni dalla nascita. Google festeggia l’evento con un logo pregevole dal punto di vista dell’iniziativa, ma un po’ meno dal punto di vista della grafica.

Ohibò, secondo la trasmissione Chi Vuol Essere Milionario Helsinki si trova in Scandinavia

Questa sera alla trasmissione Chi Vuol Essere Milionario è stata formulata la seguente domanda: “quale di queste città non si trova in Scandinavia”? Le alternative proposte erano le seguenti quattro: Stoccolma, Oslo, Amsterdam e Helsinki. Come probabilmente avrebbero fatto quasi tutti, la concorrente ha risposto Amsterdam accedendo così al livello successivo del gioco. Ma la risposta, pur corretta, non è l’unica valida: anche Helsinki, infatti, non è in Scandinavia.

Purtroppo il popolare quiz condotto da Gerry Scotti sorprende ancora una volta per superficialità e per le sue cadute professionali, eventi che di recente si stanno verificando con una frequenza piuttosto allarmante.

Come noto gli Italiani sono piuttosto ignoranti in fatto di geografia e la loro ignoranza tocca punte di vero e proprio imbarazzo quando si parla di Europa settentrionale (per quella orientale è persino peggio). Vale la pena ricordare che la Scandinavia è costituita unicamente da Danimarca, Svezia e Norvegia. Gli ultimi due (Svezia e Norvegia) fanno parte della Penisola Scandinava che, oltre ad essi, comprende anche la regione nord-occidentale della Finlandia. In ogni caso si può affermare con certezza che Helsinki non fa parte né della Scandinavia né della Penisola Scandinava; si può invece correttamente parlare di Fennoscandia.

L’abitudine di considerare parte della Scandinavia anche Finlandia e Islanda (e addirittura Fær Øer e Groenlandia) è propria dei Paesi di lingua inglese ed è profondamente scorretta. Al solito gli Italiani hanno copiato il peggio.

Gli organismi viventi sono classificati in 5 regni: Animali, Vegetali, Monere, Protisti e…

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Le funzioni del Presidente della Repubblica, nel caso non possa adempierle, sono esercitate dal…

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

In quale sport la palla pesa fra i 400 e i 450 grammi e ha una circonferenza fra i 68 e i 70 cm?

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Il Bugiardo di Paul Agule (Paul Agule’s Liar)

Se non avete mai visto questa celebre illusione di Paul Agule vi consiglio di ricercarla in Rete; resterete affascinati dalla sua semplicità geniale.

Il 18 Aprile 1506 durante la posa della prima pietra di San Pietro furono sepolte dodici…

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Tra coloro che alle Olimpiadi del 1908 sorressero il maratoneta Dorando Pietri c’era…

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Alpha Tauri a noi è nota soprattutto con il nome di…

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Foeura di ball

Espressione tipicamente meneghina, rinobilitata oggi da Umberto Bossi. Complimenti al TG3 per aver usato nei titoli dell’edizione delle 19:00 di questa sera la grafia corretta. Come noto, la pronuncia è “föra di bal”.

Piròscafo, ma motoscàfo

Parole così simili nella costruzione eppure così diverse nella pronuncia: sdrucciola la prima e piana la seconda. Ci avevate fatto caso?

Cioccolismo (chocoholism)

Nato come traduzione del termine inglese “chocoholism”, questo vocabolo di recentissima introduzione è utilizzato per descrivere la dipendenza dal cacao e dai suoi derivati. Studi hanno mostrato che a soffrirne sono prevalentemente le donne. Già in corso la sperimentazione di alcuni farmaci contro il presunto disturbo.

Per un suo celebre ritratto, Elisabetta I scelse come emblema e motto di pace un simbolo usato nella Bibbia, ovvero…

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Il termine greco flègo che dà il nome ai Campi Flegrei significa…

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

1940, California. A 27 anni fonda una società che vende succo d’arancia congelato, ma fallisce e cambia settore. Chi è?

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Cosa significa il termine blues?

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Lo scienziato che spese anni di studio per tentare di far diventare la birra francese superiore a quella tedesca?

Fai click su <Risposta>. Powered by Il MilionRapido.

Reciprocare

Al momento il verbo “reciprocare” occupa ancora una posizione di angusta nicchia, ma c’è da scommettere – purtroppo –  su una sua prossima diffusione. A usarlo sono soprattutto alcuni dirigenti che in questo modo cercano di dare al proprio eloquio un tocco statunitense. Il vocabolo deriva infatti dall’inglese “to reciprocate” che significa “ricambiare”, “contraccambiare”, termini che – a mio avviso – sono più che sufficienti e che non richiedono ulteriori invenzioni. Sarà, ma a me “reciprocare” suona terribilmente cafone. Almeno qui in Padania cerchiamo di evitarlo.

Voci precedenti più vecchie