L’Estonia è il Paese più a nord dell’Europa

Oggi stavo leggendo alcune informazioni sulla Tartu Rattaralli quando mi sono imbattuto in questo stravagante articolo. Date un’occhiata voi stessi a quanto scritto nelle primissime righe.

Alla base militare sottomarina di Hara

Questo video, queste foto e questo post mi hanno indicato con chiarezza quale sarà il motivo del mio prossimo viaggio nel nord dell’Estonia (quest’estate, invece, sarò nel sud, dove sto organizzando un giro fluviale da Tartu al Lago Peipsi e una visita al parco faunistico di Elistvere): si tratta della base sottomarina di Hare, un luogo dove si impara a non dimenticare.

Dove è sepolto il signor Bara?

Credo che Bara sia tra i cognomi più strani che mi sia capitato di sentire. Qui e qui si possono visualizzare due diverse mappe con la distribuzione geografica degli stessi; non ho invece trovato nulla circa la loro origine e significato.

Ossario e ossuario sono la stessa cosa?

Hanno entrambi a che fare con le ossa (tipicamente umane), ma il loro significato è diverso. Di seguito quanto riportato dal vocabolario Treccani per ciascuna voce:

ossuario:

s. m. [dal lat. tardo ossuarium, neutro sostantivato dall’agg. ossuarius «che concerne le ossa», der. di os ossis «osso»]. – In archeologia, vaso o urna di materiali varî (argilla e, più raram., bronzo, marmo e vetro), destinato a contenere i resti cremati di un defunto: un o. etrusco; gli o. biconici della civiltà villanoviana.

ossario:

s. m. [der. di osso]. – Edificio o ambiente nel quale si raccolgono e si conservano i resti delle spoglie dei defunti esumati dalla loro sepoltura, considerato sia come struttura facente parte di un cimitero, sia come struttura autonoma, anche monumentale, nel caso in cui raccolga le spoglie di persone morte in numero rilevante in speciali circostanze che avevano impedito la normale sepoltura (epidemie, catastrofi e soprattutto guerre): l’o. di San Martino della Battaglia.

Oleario e oliario sono due sinonimi?

No. Il primo è un aggettivo che si riferisce all’olio (es. mercato oleario, industria olearia, …) o alle olive (es. mosca olearia, un insetto molto dannoso per le stesse); il secondo è un sostantivo e può indicare, a seconda del contesto, il recipiente per conservare l’olio, il locale degli oleifici adibito al deposito dei recipienti d’olio oppure un generico ambiente in cui si conserva l’olio.

Nefario, nefando, nefasto

Tre aggettivi. Il primo non l’avevo mai sentito, ed è simile (ma molto più raro) del secondo; il terzo ha una certa assonanza con i primi due, ma significato ed etimologia sono completamente diversi.

Stad skipstunnel

La Norvegia sta seriamente pensando di costruire un tunnel sottmarino per… navi (il primo al mondo del genere). Su Wikipedia è disponibile una paginetta di contenuti (qui) che consiglio di visionare.

Voci precedenti più vecchie