Qual è l’origine del cognome Cuperlo?

Ieri sera mi è capitato di vedere Giovanni Cuperlo, detto Gianni, ospite della trasmissione Servizio Pubblico di Michele Santoro. Contrariamente a quanto sostengono in molti questi dibattiti televisivi sono interessantissimi: sono infatti un favoloso campionario di fallacie di ragionamento da cui c’è moltissimo da imparare. Di fatto è come assistere a una lezione universitaria di logica (anche se il docente non c’è). Cuperlo, naturalmente, non è stato esente da scivoloni linguistici.
Così, a un certo punto, la mia mente ha cominciato a divagare interrogandosi sulla possibile origine di quello strano cognome, Cuperlo appunto. In Rete non sono riuscito a trovare nulla, se non questa mappa di Gens che lo identifica come rarissimo e confinato nell’estremità orientale della Padania, in quel di Trieste. Ma quel “cuper” a me fa pensare al latino “cuprum” (rame), che a sua volta (oggi lo sanno in pochi, una volta lo si insegnava a scuola) deriva dal nome di quell’isola che tutti noi chiamiamo Cipro.

12 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. giuseppe inferrera
    Dic 06, 2013 @ 17:43:29

    Caro Nautilus,a me invece quel Cuper mi fa pensare istintivamente a “Koper” che,guarda caso è il nome sloveno di Capodistria,e guarda caso si trova appena a
    qualche km da Trieste (romana Tergeste).
    Per cui,se vi aggiungiamo l’aggettivante “l” otteniamo Koperl,corrottosi col tempo in Kuperl,ovvero originario,proveniente da Koper (Capodistria,l’antica Capris o Caprae,da cui origina Koper).
    Non mi avventurerei quindi in improbabili etimologie che lasciano evocare più mitologici scenari mediterranei quali Cuprum (greco Kypron) ma che niente hanno a che vedere col vostro futuro segretario di partito.Gia’ che ci siamo,derivano da Cipro,l’albero cipresso (cupressus cupressus) e la cipria,che come tu ben sai,era l’attributo della dea Afrodite non a caso nata dalla schiuma del mare che bagna quell’ isola,e quindi poi cosmetico atto a rendere belle le donne come Afrodite.

  2. Nautilus
    Dic 06, 2013 @ 18:14:05

    @ giuseppe inferrera

    Ovviamente ti ringrazio per il contributo. Per dirimere la questione sarebbe interessante conoscere il parere dello stesso Cuperlo che qualcosa in materia dovrebbe sapere.
    Ho già risposto a un altro intervento che proponeva la medesima origine per Cuperlo (si trova nella sezione Contacts di questo blog, a cui ti rimando).

    Quando dici “vostro futuro segretario” sei però fuori strada. Io sono un indipendentista (o, se preferisci, un secessionista), dunque non sono attualmente rappresentato da alcun partito. I partiti indipendentisti oggi presenti ragionano in massima parte su anacronistiche basi etniche, mentre la Lega Nord non parla di secessione da tempo immemore. Resto in attesa di tempi migliori, anzi credo sarebbe opportuno importare qualche politico da Scozia, Paesi Baschi, Fiandre e Catalogna.

    Un saluto.

  3. Gio Ve
    Dic 06, 2013 @ 19:17:38

    Dissento dal fatto che esistano cognomi che derivino da Koper. Tanto per incominciare è vero che Koper si rifaccia al nome originario Capris / Caprae, ma Koper è in uso ufficiale solo dal 1947 e Capris / Caprae non è più in uso addirittura dal VI secolo.
    Capodistria fu Giustinopolis, poi Caput Histriae e successivamente Capo d’Istria e/o Capodistria. Tale denominazione restò consolidata dall’inizio del medioevo fino appunto al 1947, senza mutare neanche durante il periodo austriaco (1797-1918). I soli cognomi “toponomastici” presenti a Trieste sono Mujesan/Muiesan (da Muggia), Furlan (da Friuli) e Visentin/Visentini/Vicentini (da Vicenza) risalenti al soprannome dato ai mercanti della Repubblica di Venezia che godevano del privilegio di trafficare anche nel “Porto di Vienna” senza pagare tasse.
    I soli cognomi attuali triestini che traggono origine da Capodistria (intesa come località e non da Capodistria-nome) sono Caligaris/Calligaris/Callegari, che significava esattamente quello che significa “Schumacher”, ovvero “calzolaio”.
    Detto ciò che certamente non è, aggiungo comunque di non sapere l’origine di Cuperlo. Ma provo a lanciare dei sassi nello stagno: Küper in Turco sono “gli orecchini” ed in Albanese è “il bottaio”.
    Un’ipotesi che mi intriga è quella dell’Ungherese (visto il luogo di nascita ed i tratti somatici del tizio). La radice “Kupe” in Magiaro ha a che fare con i concetti di agilità e di disinvoltura, mentre “Ló” vuol dire “cavallo”. Poteva dunque significare una specie di “Cavallo Scalciante” italianizzato poi forzatamente in virtù di una legge fascista (Regio Decreto Legge N. 494 del 7 aprile 1927).
    Qualora fosse così e se il soggetto lo volesse, magari potrebbe avvalersi di questa possibilità http://www.prefettura.it/trieste/contenuti/43176.htm

  4. Nautilus
    Dic 06, 2013 @ 19:32:11

    @ Gio Ve

    Ecco, diciamo che, sapendo delle tue origini, attendevo giusto giusto il tuo prezioso contributo in tal senso. Confesso che ero sul punto di coinvolgerti direttamente, poi ho deciso di non abusare della tua disponibilità 🙂

    Anch’io non credo all’origine proposta dai due lettori. La mia ipotesi credo sia papabile, ma sono assolutamente interessanti le tue, specie quella ungherese.

    Dovrò darmi da fare e trovare il modo di contattare questo Cuperlo via web.

    In realtà dovrei sempre provare a contattare anche Ornella Muti per saperne di più sulle origini estoni di sua madre e di sua nonna. Ma questa è una vecchia storia che abbiamo affrontato più volte in passato 🙂

  5. Gio Ve
    Dic 06, 2013 @ 19:40:47

    @ Nautilus

    Ad Ornella Muti è legato – credo – il mio primo intervento come tuo ospite qui in lituopadania.wordpress.com 🙂
    In generale, però, stiamo parlando di personaggi noti, indaffarati ed arrivisti. Di solito si tratta di persone che non amano parlare troppo del loro passato. O, meglio, preferiscono talvolta rivelarlo solo a modo loro e non dietro precise domande 😉

  6. Nautilus
    Dic 06, 2013 @ 20:13:50

    @ Gio Ve

    Vere entrambe le cose che dici 🙂

  7. Carlotta
    Mar 19, 2014 @ 11:31:44

    .. e se derivasse dal tedesco Kupferl o simile?

  8. Nautilus
    Mar 19, 2014 @ 11:51:02

    @ Carlotta

    Sul Tedesco non sono ferrato. So che “kupfer” significa rame (deriva dal latino “cuprum”), ma di “kupferl” non saprei cosa dire. O i due termini sono imparentati tra loro?

  9. Carlotta
    Mar 19, 2014 @ 17:59:22

    kupferl potrebbe essere l’aggettivo di Kupfer

  10. Nautilus
    Mar 19, 2014 @ 18:27:07

    @ Carlotta

    Dunque la pensi come me 🙂 Dai però un occhio anche alle interessanti ipotesi presentate da Gio Ve nei commenti qui sopra.

  11. Jozef
    Feb 05, 2017 @ 18:06:56

    Interessante la nota di Gio Ve e altrettanto quella di Carlotta, solo che quest’ultima non so per qual motivo abbia tralasciato la “e” finale a Kupferl+e che è caratteristica tra i bavaresi e austriaci in genere, in quanto rappresenta una abbreviazione del più Hochdeutsch suffisso -lein che rappresenta il diminutivo o vezzeggiativo a seconda dei casi; vedasi Fräulein ad esempio.

  12. Nautilus
    Feb 05, 2017 @ 18:18:28

    @ Jozef

    Grazie per aver ravvivato il dibattito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...