Palikti ant ledo (lasciare sul ghiaccio)

In Lituano non si abbandona una persona, la si lascia sul ghiaccio. Probabilmente una delle espressioni più curiose che mi sia mai capitato di sentire.

Cosa c’entra la Lettonia con l’acido citrico?

L’acido citrico è in natura una delle sostanze più diffuse tra gli organismi vegetali ed è altrettanto diffusamente impiegata in ambiti industriali come la preparazione e la conservazione degli alimenti, la medicina e la cosmesi. La biosintesi microbiologica di questo acido (tramite il microorganismo Aspergillus niger*) è un’invenzione tutta lettone che risale al 1948 (in piena epoca sovietica) e ai contributi degli studiosi Romans Kārkliņš e Ingemāra Skrastiņa.

_____
* catalogato per la prima volta nel 1729 dal micologo fiorentino Pier Antonio Micheli

In quale mano è la moneta da 2 euro?

Senza che possiate vederlo un vostro amico nasconde una moneta da 1 euro in una mano e una moneta da 2 euro nell’altra. Terminata l’operazione gli chiedete di: (1) moltiplicare il valore della moneta nella mano destra per a, (2) moltiplicare il valore della moneta nella mano sinistra per b, (3) sommare i due numeri ottenuti, (4) comunicarvi il risultato.
Come devono essere a e b perché voi possiate sempre indovinare in quale mano si trova la moneta da 2 euro e qual è la (semplicissima) regola matematica alla base di questo gioco?

Probabilmente questo è il quiz più semplice finora pubblicato sul blog.

Radici quinte delle quinte potenze dei numeri tra 1 e 50

Date una calcolatrice a un vostro amico e chiedetegli di calcolare la quinta potenza di un qualunque numero compreso tra 1 e 50. Fatevi dire il numero e stupitelo estraendo a mente la radice quinta di quello stesso numero in meno di un secondo.
Dato lo schema sotto riuscite a dire qual è il trucco matematico da utilizzare?

1 – 1
2 – 32
3 – 243
4 – 1.024
5 – 3.125
6 – 7.776
7 – 16.807
8 – 32.768
9 – 59.049
10 – 100.000
11 – 161.051
12 – 248.832
13 – 371.293
14 – 537.824
15 – 759.375
16 – 1.048.576
17 – 1.419.857
18 – 1.889.568
19 – 2.476.099
20 – 3.200.000
21 – 4.084.101
22 – 5.153.632
23 – 6.436.343
24 – 7.962.624
25 – 9.765.625
26 – 11.881.376
27 – 14.348.907
28 – 17.210.368
29 – 20.511.149
30 – 24.300.000
31 – 28.629.151
32 – 33.554.432
33 – 39.135.393
34 – 45.435.424
35 – 52.521.875
36 – 60.466.176
37 – 69.343.957
38 – 79.235.168
39 – 90.224.199
40 – 102.400.000
41 – 115.856.201
42 – 130.691.232
43 – 147.008.443
44 – 164.916.224
45 – 184.528.125
46 – 205.962.976
47 – 229.345.007
48 – 254.803.968
49 – 282.475.249
50 – 312.500.000

Pesco una carta e indovino la somma di dieci carte

Procuratevi dieci carte bianche su entrambi i lati, una busta, un foglio di carta, una penna, una calcolatrice e quattro amici*.

Punto 1:
su un lato di ciascuna carta scrivete bene in vista una lettera da A a J

Punto 2:
chiedete al primo amico di scrivere un numero** a caso sul retro della carta A

Punto 3:
fate altrettanto col secondo amico e la carta B

Punto 4:
chiedete al terzo amico di compilare il retro delle otto carte restanti nel modo seguente: sul retro della carta C scrivere la somma dei numeri delle carte A e B, sul retro della carta D scrivere la somma dei numeri delle carte B e C, sul retro della carta E scrivere la somma dei numeri delle carte C e D , ecc.

Punto 5:
le dieci carte vengono passate al quarto amico che calcola la somma dei dieci valori, ne riporta il risultato sul foglio di carta e chiude quest’ultimo nella busta

Punto 6:
le carte vengono sparpagliate sul tavolo davanti a voi in modo che i numeri non siano visibili

La fase preparatoria è tale per cui è per voi impossibile sapere quali numeri sono stati scelti. Però annunciate ai vostri amici che, girando una sola carta, riuscirete a predire in un paio di secondi o poco più il valore contenuto nella busta.

Quale carta scegliete e qual è la matematica alla base di questo trucco?

_____
* in caso di necessità è sufficiente un solo amico

** i numeri devono essere interi, meglio se di una o due cifre per non allungare troppo la preparazione del gioco

Lendenôn

“Lendenôn” (pronuncia: lèndénòn) è una voce milanese con cui si indica un ragazzo o un uomo dai capelli molto lunghi e sporchi. Il tipico “lendenôn” ha una chioma liscia e castana, probabilmente perché questa capigliatura, se non curata, tende a manifestare più facilmente di altre quel caratteristico e sgradevole aspetto lucido-untuoso.
Il termine deriva dal sostantivo “lens, lĕndis” che in Latino significa “uovo di pidocchio”. Nel Toscano di oggi esistono il sostantivo “lendine” e l’aggettivo “lendinoso”.

Il disastro dell’airbus A320 della Germanwings colpisce indirettamente anche l’Estonia

I disastri aerei fanno forse più danni tra i vivi che tra i morti. Tra le 150 vittime dell’airbus A320 della compagnia Germanwings c’era lo studente Paul Bramley, un ventottenne inglese di Hull (contea dell’East Riding of Yorkshire). A piangere Paul Bramley, oltre alla famiglia, anche la cantante estone Anneli Tiirik, che di Bramley era la fidanzata.

Voci precedenti più vecchie