Paziente 64

“Paziente 64” (2010, titolo originale “Journal 64”*, traduzione di Maria Valeria D’Avino) è il quarto capitolo della serie Sezione Q creata dallo scrittore danese Jussi Adler-Olsen. Segue l’esordio “La donna in gabbia” (superlativo), “Battuta di caccia” (anch’esso ottimo) e il non proprio esaltante “Il messaggio nella bottiglia”. Con “Paziente 64” Adler-Olsen fa un po’ meglio dell’opera precedente, pur mantenendosi distante dai primi due lavori. Questo nuovo romanzo è particolarmente lento e noioso nelle sue prime 100 pagine (su oltre 500) per poi imboccare, quasi all’improvviso, la strada della narrazione brillante. Tutto però appare chiaro sin dall’inizio e, se si esclude qualche sussulto hitchockiano nel finale, non ci sono colpi di scena. Lo stile resta al di sopra della media del genere, ma sulla lunga distanza “Paziente 64” è destinato a finire tra le opere minori.

_____
* traducibile con “Dossier 64”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...