La gestione delle soste brevi all’aeroporto di Vilnius

Avete presente le tipiche soste brevi in doppia fila di chi arriva a Linate o Malpensa* per scaricare qualche amico o parente che deve imbarcarsi da lì a poco? All’aeroporto di Vilnius il fenomeno non esiste. E non (solo) per l’educazione dei Lituani (certamente superiore), ma per l’effetto di un uso intelligente della tecnologia. All’aeroporto di Vilnius la sosta breve esiste ed è regolamentata come segue: si arriva in aeroporto, si ci avvicina alla sbarra di ingresso del parcheggio delle soste brevi, una telecamera registra la targa dell’auto e consente l’accesso; terminata la sosta ci si reca presso un apposito terminale (che è a pochi passi e non a centinaia di metri di distanza), si sceglie la fotografia della targa della propria auto e il sistema calcola il tempo intercorso; a seconda della situazione non si paga nulla oppure si corrisponde una certa somma; fatto ciò ci si riavvicina alla sbarra, la telecamera rilegge la targa, la associa al pagamento (se dovuto) e consente l’uscita.

La Lituania è un Paese avanti? Direi di no; la Lituania è un Paese normale; un Paese avanti avrebbe attuato questo sistema almeno cinque anni fa, quando la tecnologia era già abbondantemente matura per gestioni di questo tipo. E la Padania? Fate voi.

_____
* ma per fortuna non più a Orio al Serio

Annunci

La Lettonia ha le strade peggiori dell’Unione Europea

C’era un tempo in cui – parlo per esperienza diretta – andare in auto dalla Germania alla Lituania significava attraversare un incubo viabilistico chiamato Polonia. Ora, invece, grazie ai cospicui finanziamenti UE la terra di Copernico ha avviato un profondo rinnovamento della sua rete stradale con la costruzione, finalmente, di nuove autostrade*.
Attraversare la Lettonia, però, continua a rimanere problematico. Da queste parti le difficoltà non sono rappresentate tanto dal traffico, a volte scarsissimo, quanto dalle pessime condizioni delle strade.
Non a caso l’ultimo report della Commissione Europea (qui il documento integrale in formato PDF) ha rilevato – i dati si riferiscono al 2014 – che il Paese dell’Unione con le strade più pericolose è proprio la Lettonia. La Lettonia ha anzi visto un incremento del tasso di mortalità rispetto ai dati del 2010 (caso quasi unico).
Molto lavoro rimane da fare anche per la Lituania, mentre in Estonia la situazione è già molto vicina alla media UE.

_____
* fino a una manciata di anni fa il Paese ne era praticamente privo

La Baltikums passa in mani austriache

La compagnia assicurativa Baltikums si appresta a passare in mani viennesi. Verrà infatti acquisita dal Vienna Insurance Group (VIG). In questo breve articolo trovate un approfondimento dell’operazione.

Alfa, maschio lituano

I nomi maschili lituani terminano per esse, siano essi in forma estesa o abbreviata. Fa eccezione Alfonsas, che invece si abbrevia in Alfa (e che dunque suona come un tipico nome femminile).

Vietato zombificare

L’articolo 246 del codice penale di Haiti vieta la zombificazione; vieta cioè di somministrare droghe a un individuo al fine di indurlo in uno stato di morte apparente.

Leggermente

Il più telepatico degli avverbi.

All’aeroporto di Vilnius può accadere anche questo

Guardate questo video.

Voci precedenti più vecchie