Come riformerei la lingua toscana: gl, gn

I digrammi “gl” e “gn” hanno doppia valenza: la pronuncia di “gl” in aglio e glifo non è la stessa; allo stesso modo la pronuncia di “gn” differisce tra “gnucco” e “Wagner”. L’ambiguità può essere risolta ricorrendo a e “l̃” e “ñ” nei casi al̃ø e ñukkø, e lasciando i digrammi in glifø e Wagner.

Per l’uso di “o” e “ø” si veda oltre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: