Il coccige e il cuculo

Proseguo il mio personale elenco di parole dall’origine curiosa e di cui a scuola non ci hanno mai parlato. Oggi è la volta di coccige. Il termine deriva dal latino coccyx che lo ha mutuato dal greco κόκκυξ, e in entrambi i casi significa cuculo. Il motivo è la somiglianza di quel gruppo osseo con il becco del famoso uccello.

Annunci

Gu l’üga in gula

L’etimologia di ugola è una delle tante cose che non ho mai appreso a scuola. Deriva da ūvŭla, in Latino tardo diminutivo di uva (uva).

L’universo parallelo delle pecori-parole

Pecori [Pekøri]: isola
pecorese [pekøreze]: antipasto estivo
pecoriata [pekøriata]: elemento architettonico
Pecoriate San Gervasio [Pekørjate San Džervazjø]: Comune lombardo
pecoriccio [pekørittšø]: voglia improvvisa e bizzarra
pecoricciosa [pekørittšøza]: tipo di pizza
pecoriccioso [pekørittšøzø]: (aggettivo) incline ai pecoricci
pecorico [pekørikø]: (aggettivo) tipo di acido
pecoroico [pekøroikø]: (aggettivo) tipo di acido
pecoricorno [pekørikornø]: segno zodiacale
pecorifoglio [pekørifol̃ø]: specie di piante
pecorimulgo [pekørimulgø]: genere di uccelli
pecoriola [pekøriola]: tipo di salto

La prova del nove nei Paesi baltici

La scorsa settimana avrei voluto scrivere un post breve: come si dice prova del nove in Lituano, Lettone ed Estone. La prima a cui ho chiesto, ovviamente, è stata mia moglie. E lì è suonato il primo campanello d’allarme: del metodo di controllo solitamente applicato alle moltiplicazioni mia moglie non aveva mai sentito parlare. Decido di approfondire, così chiedo ad alcune amiche sparse per l’Estonia; anche lì risposta identica. Infine ho preso tutti i numeri di conoscenti lituani ed estoni della mia rubrica e ho mandato loro un messaggio via WhatsApp. Delle circa venti persone contattate nessuna ha mai sentito parlare di prova del nove, né è stata insegnata loro alle scuole primarie o in qualunque altra scuola. Se qualcuno volesse smentirmi è il benvenuto.

Focaccia uterina

Non è tra le cose che si insegnano a scuola, ma placenta deriva dal Latino (tramite il Greco) e significa… focaccia. Il riferimento al cibo si trova anche in altre lingue, come per esempio nell’equivalente tedesco Mutterkuchen.

Cacca baltica

gówno (Polacco)
lort (Danese)
pask/sitt (Estone)
paska (Finlandese)
scheisse (Tedesco)
skit (Svedese)
šūdas (Lituano)
sūdi (Lettone)

Coproloquio

L’idea di coproloquio nasce dal commento di Mauro a questo mio post di ieri. In effetti “copro-” (la derivazione è greca) è il primo elemento di parole che possiamo suddividere in due gruppi: da un lato ci sono termini dotti e medico-specialistici come coprologia, coprostasi, coprofagia, coprolite in cui il prefisso ha il significato letterale di “feci”; dall’altro ci sono vocaboli come coprofemia e coprolalia in cui copro- assume il significato più generale di osceno, oscenità.

E così potremmo usare coproloquio sia per indicare coloro che usano la parola mer*a (e i suoi derivati) come esclamazione (e in tal caso il coproloquio si configura come un caso particolare di turpiloquio) sia per riferirsi a chi, genericamente, è solito proferire stron**te.

Voci precedenti più vecchie