26-5-18-15

Riuscite a connettere la sequenza 26-5-18-15 all’equazione riportata qui sotto?

(x3 – 1)(x3 + 1) + 13log57 + 17x4 + (ex)2e + 4π = 0

Nota: ci vuole un po’ di fantasia.

La combinazione vivente

In una classe di prima elementare ci sono dieci bambini: Axel, Erik, Iago, Omar, Uran, Ajla, Egle, Iana, Olga e Ulya. La maestra scrive i loro nomi su dieci bigliettini, mette questi ultimi in un’urna e ne estrae tre. Quindi scrive i tre nomi su un foglietto. Tutto ciò prima che i bambini arrivino a scuola. Una volta che i piccoli sono entrati in classe la maestra propone loro un piccolo gioco. Alla presenza degli alunni si estraggono cinque terne di bigliettini (nota tecnica: dopo ogni terna i tre bigliettini vengono reimmessi nell’urna, in modo da poter ripartire dalle stesse condizioni iniziali). Man mano che si procede le terne vengono scritte sulla lavagna e accanto a esse i commenti della maestra che trovate qui sotto. Si tratta ovviamente di indovinare la terna segreta, quella che la maestra aveva inizialmente scritto sul suo foglietto.

Terna 1
Nomi: Egle, Olga, Iago
Nota: un nome corretto e nella posizione corretta

Terna 2
Nomi: Egle, Uran, Ajla
Nota: un nome corretto, ma nella posizione errata

Terna 3
Nomi: Iago, Axel, Egle
Nota: due nomi corretti, ma nelle posizioni errate

Terna 4
Nomi: Jana, Omar, Olga
Nota: nulla di corretto

Terna 5
Nomi: Jana, Olga, Axel
Nota: un nome corretto, ma nella posizione errata

Possono partecipare tutti.
 

La circonferenza della pizza

Siete di fronte a una pizza fumante che per comodità assumiamo essere di forma perfettamente circolare. Da un punto A qualunque sulla circonferenza eseguite un taglio dritto fino al punto B, posto sempre sulla circonferenza. Sia la lunghezza di questo taglio 8 unità (non importa quali). Prendete la parte più piccola delle due e la date a vostra moglie/marito. Dal punto B della parte restante eseguite un taglio dritto fino al punto C, in modo che i due tagli siano perpendicolari tra loro. Sia la lunghezza di questo secondo taglio 15 unità. Date la parte minore a vostro/a figlio/a e tenete il resto per voi.

Qual è la lunghezza della circonferenza della pizza?
Eseguire il calcolo a mente considerando, per semplicità, π = 3.

Se ricordate una certa proprietà (mi direte voi quale) il problema è semplicissimo.

In quale capitale?

Giugno 1985. Entrate in una cabina telefonica e consultate l’elenco, che all’epoca era ovviamente cartaceo. Notate che gli utenti sono stranamente ordinati per nome proprio e solo dopo viene il cognome. In quale capitale europea vi trovate?

Sei cugini omonimi

Il mio nome è A3. Questo non è il mio vero nome, ovviamente; è solo un modo simpatico per distinguermi dai miei due cugini omonimi, A1 e A2. In questo momento mi trovo a Tampere, da una cara amica. Mio cugino A1 vive in un luogo a ovest di Stoccolma, mentre mio cugino A2 vive in un luogo a est di Tampere. A1 e A2 vivono nello stesso Paese. Ieri pomeriggio l’amica Lena mi ha portato a fare un giro a Helsinki. In un caffè abbiamo incontrato un tizio che si chiama come me; per comodità chiamiamolo A6. A6 è a Helsinki per motivi di studio e anche lui, incredibile!, ha due cugini omonimi. A4 vive in un luogo a ovest di Stoccolma e A5 vive in un luogo a est di Helsinki, ed entrambi vivono nello stesso Paese. Io e A6, però, quando torneremo a casa, torneremo in Paesi diversi.

Domanda 1. In quale Paese vivono i tre cugini A1, A2, A3 e in quale i tre cugini A4, A5, A6?

Domanda 2. Una volta individuata la soluzione (Paese X, Paese Y) se scambio tra di loro le nazionalità delle due triple di cugini la risposta al quiz si mantiene corretta? In termini più specifici: il problema è simmetrico in X e Y o no?

More great

Sapete fare almeno un esempio in cui “more great” è corretto e “greater” errato?

Equazione di secondo grado da risolvere a mente

Come risolvereste mentalmente l’equazione di secondo grado riportata qui sotto?

x2 + 5x – 50 = 0

Nota 1: risolvere a mente questa equazione non significa fare a mente i passaggi contenuti nella formula risolutiva classica (quella con il determinante); evidentemente bisogna fare qualcosa di diverso.

Nota 2: se il problema viene formulato nella maniera opportuna (quella che chiedo a voi) può essere risolto anche da un bambino di 7/8 anni (che ovviamente si limiterà al caso x > 0, ma è già molto per quell’età).

Nota 3: voi non siete bambini di 7/8 anni, quindi la soluzione deve essere completa.

Un lago al giorno

Se una mattina qualcuno dovesse mai svegliarsi con l’idea di imparare il nome di un lago finlandese al giorno sappia che gli servirebbero più o meno 515 anni.

Alaskizzazione

Quella del Friuli Venezia Giulia se il Veneto secede dalla cosidetta Italia.

Pavydas

Falso amico tra Lituano e Toscano. Pavydas non significa “pavida” (aggettivo femminile), ma “invidia” (sostantivo maschile). Ricordare che in Lituano tutto ciò che termina in “-as” è maschile.

Albina Rio

La figlia del capostazione, in un paesino del salernitano.

Genitorino 1, genitorino 2

Sono in attesa che qualcuno vieti ai cresimandi e ai preti di usare i vocaboli padrino e madrina. Sono in attesa che qualcuno imponga la rititolazione della trilogia di Francis Ford Coppola.

Cesso

Deriva dal verbo latino “recedĕre” (ritirarsi, allontanarsi). Si toscanizza in “cessarsi” (oggi non più usato) e da qui trae origine il sostantivo odierno. Altri sostengono un’origine diretta da “recessum” (ritirata), senza passaggi intermedi. I significati figurati (che cesso di posto, quella ragazza è un cesso) si sono aggiunti col tempo.

La scimmia in Cinese e il mancino

Wilda: papà, ma tu lo sai come si dice scimmia in Cinese?
Nautilus: non ne ho idea; perché pensi che dovrei saperlo?
Wilda: perché tu sei mancino

Dialogo surreale tra mia figlia e me poco fa mentre tornavamo da scuola.

Il trenino

Un trenino percorre un tratto orizzontale muovendosi con queste caratteristiche di moto: in posizione 1 (dopo una unità di spazio rispetto al punto di partenza) la sua velocità è 1, in posizione 2 la sua velocità è 2, in posizione 3 la sua velocità è 3, …, in posizione n la sua velocità è n. Le unità di misura non sono importanti.

Quale forma ha la curva che descrive il tempo in funzione dello spazio percorso?

Nota: il treno non va avanti così all’infinito, ovviamente; a un certo punto la sua velocità smette di crescere e anzi si riduce fino a zero. Qui ci interessa solo la prima parte del moto.

Ma il computer è maschio o femmina?

Four reasons why the computer is in the feminine gender:

1. no one but their creator understands their internal logic

2. when computers communicate with each other, they speak in code language that only they and experts can understand

3. every mistake you make is stored on their hard drive for later retrieval

4. as soon as you commit to one you find yourself spending half your paycheck on accessorising it

Four reasons why the computer is in the masculine gender:

1. in order to get their attention you have to turn them on

2. they have a lot of data, but still can’t think for themselves

3. they are supposed to help you solve problems, but half the time they are the problem

4. as soon as you commit to one you realise that if you waited a little longer you could have got a better model

Trascrizione di un file audio giratomi stamattina da Emanuela Cardetta, che ovviamente ringrazio.

Da Milano a nonsodove

Partendo da Milano mi dirigo a piedi verso un’altra città. Chiamiamola X. Per andare fino a X impiego quattro giorni. Per tornare indietro – seguendo il medesimo tragitto – ne impiego cinque. Ogni giorno percorro un km in meno rispetto al giorno prima (l’età che avanza!). Qual è la lunghezza del tragitto tra Milano e X?

Non c’è alcun trucco: visto che non arrivano risposte ai quiz precedenti questa volta ne ho proposto uno facile facile.

Where else?

Avete presente il “what else?” pronunciato da George Clooney in alcuni celebri spot della Nespresso? Ecco, quando leggo che a Napoli succedono cose come questa dentro di me – piaccia o non piaccia – scatta sempre un… “Napoli, where else?”.

L’area della octopiz

La Octopiz (con la maiuscola) è una pizzeria che realizza ottime pizze di forma ottagonale: le octopiz (con la minuscola). È stata fondata da Ottavio Ottone, oggi ottantottenne, ottavo di otto fratelli, ex ottico e collezionista di otturatori fotografici.

Un Estone di nome Otto, cliente abituale che vive a un isolato dalla pizzeria, si fa portare a casa una octopiz al pollo, bagnacauda e taleggio (oh, è un Estone, mica si può pretendere che ordini una capricciosa o una quattro stagioni!). La octopiz è però difettosa: anziché essere formata – come di consueto – da otto fettine regolari presenta quattro fettine consecutive piccole (lato di p cm) e quattro fettine consecutive grandi (lato di g cm). A un certo punto la figlia semirussa di Otto, Volpiska, chiede: “papà, ma tu sapresti calcolare l’area di questa octopiz conoscendo solo p e g?”; “uhm, non credo”, risponde Otto; “e se faccio così?”, ribatte la figlia; “ah, così è quasi un gioco da ragazzi”, conclude il padre.

Cosa fa la piccola Volpiska per trasformare il problema da difficile a semplice?

Video sub

Mia figlia sta imparando a nuotare. Fa dei tratti in cui tiene la testa sott’acqua, ma dice che si annoia. Così ha proposto di istallare degli schermi TV sul fondo della piscina.

Kira Mazza

La figlia del netturbino.

Kim Anca

Mio compagno ai tempi delle medie. Spesso assente.

Iva Poretti

Responsabile della sede di Venezia del famoso birrificio di Induno Olona.

Tutto sommato, novantasei

t+u+t+t+o = 96

Inga Binetto

Il mio collega Binetto quasi ogni mattina fa tardi al lavoro; sua moglie Inga, originaria della Lettonia, occupa il bagno per ore.

Voci precedenti più vecchie