Alternative math

Riprendo qui questo video segnalato da shevathas perché a mio avviso rappresenta una sintesi perfetta del tipo di società in cui stiamo già vivendo. Se invece vi fa solo ridere o sorridere temo che non abbiate ancora compreso la reale gravità della situazione.

Il cortometraggio è un lavoro di David Maddox (Ideaman Studios, Dallas), che ha curato scrittura e regia. Qui potete trovare una scheda di approfondimento.

Piccola nota linguistica: al di là della pronuncia due sono gli elementi che permettono di capire sin da subito che si tratta di un lavoro made in USA e non made in UK: il titolo del video tutto in maiuscolo (Alternative Math) e l’uso di math al posto di maths.

Get outta here

Ieri sera ho visto il film Get Out (2017) di Jordan Peele. Un horror che ha ricevuto alcuni importanti riconoscimenti e una valanga di critiche positive. Tuttavia – parliamoci chiaro – gli horror trasmessi in prima serata molto raramente sono veri horror. E infatti Get Out non fa eccezione.
Devo ammettere che l’inizio del film è stato abbastanza interessante, tanto che alcune sequenze mi hanno fatto pensare a The Shining, tuttavia il seguito si è rivelato molto più deludente del previsto, al punto che già a circa un terzo del film era già chiaro come sarebbero andate a finire le cose. Ho sperato fino all’ultimo in una sapiente operazione di depistaggio, invece niente: alla fine tutto è andato esattamente come previsto.

Gli hanno fatto un incantesimo

Per il settimo compleanno di mia figlia le abbiamo regalato alcuni DVD, tra cui La Bella e la Bestia. L’ho guardato con lei e a un certo punto mi sono reso conto che, rivolgendosi ai suoi cortigiani, nel parlare di Belle (Emma Watson), Gaston (Luke Evans) dice: “gli” hanno fatto un incantesimo. Complimenti al doppiatore Marco Manca.

WAWWA

Ieri sera RAI4 ha trasmesso il film horror We Are What We Are. A distanza di meno di un giorno ho dato un’occhiata alle varie recensioni presenti in Rete, sorprendendomi non poco per aver trovato – contro ogni attesa – giudizi prevalentemente positivi.

Ritengo che sia già fuori luogo parlare di genere horror, ma al di là di ciò il lavoro in questione mi è parso molto debole e deludente. Gli elementi di sorpresa e tensione sono quasi del tutto assenti, lo svolgimento è lento, quasi statico, spesso noioso, i personaggi mal caratterizzati, i dialoghi insufficienti. L’associazione tra cannibalismo ed estremismo religioso risulta inadeguata e il finale è talmente illogico da risultare ridicolo.

Jack lo Squartatore in lavorazione a Vilnius

In questo link tutti i dettagli della produzione tedesca diretta dal regista Sebastian Niemann.

Iniziate a Vilnius le riprese del film Pope vs Hitler

Qui i primi dettagli.

In corso in Lituania le riprese di “Dove c’è amore c’è Dio”

Dopo Anna Karenina (vedi qui e qui) e Guerra e Pace (qui), la Lituania sta ospitando le riprese di un’altra produzione tolstojana: Dove c’è amore c’è Dio. Qui si possono leggere i primi dettagli che indicano nei dintorni di Vilnius e in Rumšiškės i principali luoghi di lavorazione.

Voci precedenti più vecchie