Kryžiukai-nuliukai

Ieri, per la festa del papà, mia figlia mi ha regalato un gioco del tris fatto da lei. La scacchiera è un quadrato di cartone giallo scuro, le linee sono state realizzate con quattro stringhe di filo rosso scuro e le pedine sono dei cuoricini anch’essi di cartone (cinque blu – il mio colore preferito – e cinque rossi).

Abbiamo fatto tre partite e poi le ho spiegato come si chiama il gioco in Inglese. Questa mattina, invece, mi sono chiesto quale fosse il nome lituano. Ho così scoperto che il tris lituano è detto kryžiukai-nuliukai, cioè, letteralmente, crocette-e-cerchietti o crocette-e-zeretti*

_____
* kryžiukas è l’abbreviazione di kryžius (croce) e nuliukas è l’abbreviazione di nulis (zero)

Pavydas

Falso amico tra Lituano e Toscano. Pavydas non significa “pavida” (aggettivo femminile), ma “invidia” (sostantivo maschile). Ricordare che in Lituano tutto ciò che termina in “-as” è maschile.

Turtina turtinga

Turtingas/turtinga è uno degli aggettivi più simpatici della lingua lituana; significa ricco/a, ma il suo suono mi rimanda alla versione milanese di torta*. Questa parola mi piace così tanto che ultimamente ne ho derivato uno degli infiniti soprannomi con cui sono solito chiamare mia figlia; in questo caso “turtina turtinga”; che ovviamente non vuol dire nulla (o, se si accetta la doppia lingua Milanese-Lituano, significa tortina ricca).

_____
* torta, pronunciato turta

Bliūdas

Ieri mia suocera mi ha insegnato la parola “bliūdas”*. A seconda delle situazioni può significare ciotola, scodella, insalatiera, zuppiera o anche catino. Fondamentale, no? Tra l’altro non è nemmeno un termine lituano puro, ma un adattamento dal Russo.

_____
* la “i” non si pronuncia, serve solo a palatizzare la “l”; la “ū” è una “u” lunga che coincide con la nostra u

Mammina mammina, la nonna mi ha un pochino uccisa!

Qualche giorno fa, poco prima che rientrassimo a Milano, mia figlia deve aver fatto qualche dispetto a mia suocera, e così quest’ultima le ha dato uno schiaffetto sulla mano. Mia figlia è corsa dalla mamma esclamando “mammina mammina, la nonna mi ha un pochino uccisa!”. La frase originale, in Lituano, è stata la seguente: mamyte mamyte, močiutė mane truputį užmušė! L’aspetto comico, presente in entrambe le lingue, nasce dalla confusione tra il verbo mušti (picchiare) e il verbo užmušti (uccidere).

Ot šūdukai! Oh merdine!

La nuova interiezione di mia figlia.

La scherma in Lituano

fioretto – rapyra
sciabola – kardas
spada – špaga

Secondo breve post ispiratomi dalle olimpiadi dopo quello sugli stili del nuoto di qualche giorno fa. C’è anche chi, come l’amica virtuale Emanuela Cardetta, ha preparato un vero e proprio glossario in quattro lingue, a cui vi rimando.

Voci precedenti più vecchie