La signora Gunnhildr

Gunnhildr è l’antica versione norrena del nome Gunilda, dalla cui contrazione è nata la parola inglese “gun”. Qui per approfondimenti.

Annunci

La suora nonna

In Inglese suora si dice “nun”, termine che deriva dal latino “nonna” (nonna, tutrice anziana).
Scoperto per caso ieri.

C’ho l’utero mobile, ergo sono isterica

Ieri ho deciso di approfittare di una promozione di Amazon per comprarmi qualche vecchio CD hard rock e metal. Tra questi Hysteria dei Def Leppard.
Qualche minuto dopo la curiosità mi ha spinto a controllare l’origine del termine. Isteria è una di quelle parole la cui etimologia credevo di conoscere ma di non ricordare, e invece mi sono accorto di non saperne nulla. Sì, perché se avessi saputo che isteria deriva da utero mica me lo sarei scordato tanto facilmente. E isteria deriva proprio da utero. Se non ne siete convinti date un’occhiata qui e qui.

Uh, c’è un frullino sbattiuova che vola in cielo!

Mentre controllavo l’etimologia di elicottero per preparare il post precedente mi sono imbattuto in una cosa che non sapevo. In Inglese la parola “egg-beater” (il frullino sbattiuova, noto a chiunque sia nato nel vecchio millennio) ha altre due accezioni: indica quel particolare movimento detto “a bicicletta” che le nostre gambe compiono in modo automatico per mantenerci a galla quando siamo in acqua (molto usato da chi gioca a pallanuoto; qui  un esempio) ed è anche un termine slang per riferirsi all’elicottero.

You’re phony!

In Inglese, specie negli Stati Uniti, è in uso l’aggettivo “phony” per indicare un qualcosa di falso, fasullo, finto, non genuino, contraffatto. Oltre alle cose può essere riferito a persone ed è presente anche come sostantivo. Esiste inoltre la grafia alternativa “phoney”.

Se da un lato è piuttosto evidente che tra phony e phone non c’è alcuna relazione, dall’altro l’etimologia di phony non è per nulla immediata. Così, incuriosito, ne ho approfittato per fare una breve ricerca.
Sembrerebbe che la forma attuale nasca come alterazione di “fawney”, un termine dello slang britannico usato per designare gli anelli di ottone fatti passare per d’oro dai truffatori.

Da ricordare anche la locuzione “phony war” (guerra simulata).

Salvare un calcio di rigore

Tutti parlano di calcio, ma pochi potrebbero farlo in Inglese. Molte espressioni tipiche, infatti, non si prestano a una semplice traduzione letterale. È il caso di “parare un (calcio di) rigore” il cui equivalente inglese è “to save a penalty (kick)”.

Ozzy, the Brummie

Il post precedente mi ha portato a scoprire alcuni demonimi inglesi di città di cui ignoravo totalmente l’esistenza.

Aberdonians (Aberdeen)
Amsterdammers (Amsterdam)
Austinites (Austin)
Bathonians (Bath)
Bucharesters (Bucharest)
Budapesters (Budapest)
Brummies (Birmingham)
Cairenes (Cairo)
Cantabrigians (Cambridge)
Corkonians (Cork)
Dallasites (Dallas)
Denverites (Denver)
Glaswegians/Weegies (Glasgow)
Haligonians (Halifax)
Hannoveraners (Hannover)
Istanbulites (Istanbul)
Jerusalemites (Jerusalem)
Leopolitans (Lviv)
Liverpudlians (Liverpool)
Loiners/Leodensians/Leodiensians (Leeds)
Mancunians (Manchester)
Mentonasques (Menton)
Montrealers (Montreal)
Novocastrians (Newcastle)
Odessites (Odessa)
Oxonians (Oxford)
Readingites (Reading)
Rotterdammers (Rotterdam)
Seattleites (Seattle)
Tokyoites (Tokyo)
Vancouverite (Vancouver)
Warsovians (Warsaw)
Waterluvians (Waterloo, Canada)

Voci precedenti più vecchie