Banamai

Bananas + namas = banamas, da cui banamai (plurale di banamas).
Gioco di parole creato con mia figlia. Bananas (maschile) significa banana, mentre namas (maschile) significa casa, ma viene usato solo al plurale.
Quindi banamai = casa di banana.

Ma~

Mia figlia ha un’amichetta il cui nickname è Ma~. Qual è il suo nome per esteso?

Vacuum, continuum, residuum, menstruum

Quattro parole della lingua inglese in cui è presente la rarissima doppia u. Sono tutte di origine latina. La prima è di uso comune, le altre fanno parte del lessico specialistico. Da notare che “menstruum” indica in chimica un particolare tipo di solvente, e solo come significato secondario è collegato a mestruo. Gli altri casi di doppia u, di origine latina e non, si trovano qui.

Scraunched

Dieci lettere, una sola sillaba.

La carica dei 101

Due bambini hanno inscenato la rappresentazione del film “La Carica dei 101” usando solo cinque cani, ciascuno dei quali non ha ricopero più di un ruolo. Eppure il titolo del film è perfettamente lecito. Come è possibile? Aiutino: i genitori dei bambini lavorano in ambito informatico.

They don’t RSVP

Questa notte leggevo un articolo di matematica sulla decrescita esponenziale applicata ai tornado quando mi sono imbattuto nella frase che compare nel titolo di questo post. Al che, dopo una brevissima ricerca, ho capito che gli Statunitensi hanno trasformato la nota espressione di cortesia RSVP (Répondez, s’il vous plaît) in un verbo. Cavolo! Anzi… WTF!

Plans for summer? Yes, staycation

Prima di oggi non mi ero mai imbattuto nel neologismo “staycation”, che dalle occorrenze presenti in Google sembra – tra l’altro – un termine piuttosto diffuso. Si tratta di una parola macedonia nata dall’unione di “stay-at-home” e “vacation”, cui Wikipedia dedica una sua pagina, questa*.

Staycation mi ha fatto venire in mente la tipica espressione milanese che le persone della generazione dei miei nonni fornivano come risposta a chi chiedesse loro dove avrebbero trascorso le vacanze estive: a castoo in provincia de caresti (pronuncia: a kastu in pruintʃa dé karèsti; gli accenti sono indicati in sottolineatura), cioè “sto-a-casa, in provincia di resto-a-casa”, anche se la resa in Toscano è fortemente limitata rispetto all’originale.

_____
* sempre grazie a Wikipedia ho appreso dell’esistenza del corrispondente svedese “hemester

Voci precedenti più vecchie Prossimi Articoli più recenti