t+x(7)=y(8)

Dalla ricusazione alla grande esultanza.

Per capirci, se avessi scritto c+x(4)=y(5) e avvessi dato il suggerimento “da plantigradi ad abitanti di Ajaccio” la soluzione sarebbe stata c+orsi=corsi. Avrei potuto rendere le cose più difficili e scrivere x(1)+y(4)=z(5), senza cioè fornire l’aiuto x=c.

Coda di film/libro/… -20% (6, 8)

Il -20% è solo un esempio, avrei potuto mettere -15%, -32%, ecc.

(7, 6) = (2, 5, 2, 4)

Dovesse dire il falso la manderemmo in terapia.

La vecchia crepa puntini puntini

Nel post precedente “vecchia crepa” è un esempio di frase bisenso. Nel primo significato “vecchia” è sostantivo e “crepa” verbo, nel secondo “vecchia” è aggettivo e “crepa” sostantivo.

Ora vi lancio una sfida: aggiungere un terzo termine, anch’esso un bisenso, che possa congiungersi a “vecchia crepa” (dopo, ma anche prima) per ampliare la lunghezza della frase. Non è necessario che il terzo termine svolga anche funzioni grammaticali diverse; per esempio potrebbe essere un sostantivo polisemico del tipo pèsca/pésca, riso/riso, miglio/miglio. Libero anche l’uso di eventuali preposizioni o altri connettivi per agganciare il nuovo termine al binomio originale.

Donna anziana muore (3, 7, 5)

Quella fessura che è lì da tanto tempo.

Cerchi cerchi?

Sì, cerchio cerchi.

Sì, cerco cerchi.

Difetti dei dirigibili (5, 5, 8)

Preparale delle specialità gastronomiche lituane.

Pony (7, 5)

Niente aiuti.

Fr a ttu r a

Frattura scomposta.

nte^9 (7)

Facile. Niente aiuti.

Rosette × h + branzini × k (2, 15, 3, 4, 1, 3, 5)

Facilissima, solo aggiornata alle latitudini padane.

È incline agli anglicismi (5, 3′, 7)

Riparano dal sole.

nza e nza (5, 2, 1, 5, 2)

Ve la butto lì, vediamo se la trovate facile o difficile.

9 (3, 1, 5, 2, 3)

In che posizione ti trovi?

-atela/o/e/i

Per molti verbi della prima coniugazione uno spostamento d’accento equivale al passaggio da un imperativo di seconda persona singolare a un imperativo di seconda persona plurale (ma sono tipi di imperativi diversi). Esempio: piàntatela/piantàtela. Con “fare” non funziona.

Ortocentro (8, 2, 3, 7)

Questa è davvero facile, dunque niente suggerimenti.

Mussoliniano brianzolo (6, 2, 4)

Filamenti vegetali riuniti in mazzo.

Vecchio apriscatole (5, 2, 5)

Questa è un po’ difficile, ma per ora non vi metto aiuti diretti. Dovete pensare a quegli apriscatole che non avevano ancora le rotelline. Solo la terza parola ha due significati.

Donna di Rovereto centro (3, 8, 2, 5)

All’incirca tra i venti e i quaranta insediamenti abitativi.

Tralasci di citare i dettagli (6, 11)

La prima parola ha a che fare con qualcosa che abbiamo tutti dentro gli armadi, e non mi riferisco agli scheletri.

Ascolta notizie

Ascoltano tizie.

Mangia nostrano

Mangiano strano.

Ascolta nomina

Ascoltano Mina.

Usa nomignoli

Usano mignoli.

La tastiera delle band (2, 5, 3, 9)

Troppo facile, quindi niente aiuti, anzi uno: C.

Voci precedenti più vecchie