Acronomicon

Consideriamo il seguente gioco: trovare parole il cui suono sia equivalente a quello di un acronimo alfabeticamente ordinato (es.: acidi = ACD).

Le regole:

1.
Valgono le corrispondenze:
a = A
bi = B
ci = C
di = D
e = E
effe = F
gi = G
acca = H
i = I
elle = L
emme = M
enne = N
o = O
pi = P
cu = Q
qu = Q
erre = R
esse = S
ti = T
u = U
vi = V
zeta = Z

2.
Gli acronimi devono essere costituiti da elementi ordinati in senso alfabetico (es.: è ammesso abiti = ABT, non è ammesso tipici = TPC)

3.
Il termine da acronomizzare può essere una qualunque parte del discorso (aggettivo, sostantivo, verbo, …)

4.
Negli acronimi si accettano solo accostamenti di vocali che danno luogo a uno iato (es.: non è ammesso bielle = BL)

5.
Non sono ammesse parole che terminano con vocale accentata

Scopo: trovare acronimi di lunghezza uguale o superiore a 4 (es.: bicipiti = BCPT).

G8 è B8

Se scrivessi “G8 è B8” per rendere il gioco di parole “Giotto è biotto” la cosa non funzionerebbe. Sia in G8 che in B8, infatti, la pronuncia del gruppo “io” è quella in cui lo stesso è in forma di iato; per rendere il caso di “io” dittongo (ascendente) dovrei invece scrivere Gjotto* è bjotto**, che è esattamente quanto da me proposto in questo articolo di due anni fa nell’ambito della mia più generale ipotesi di riforma della lingua toscana.

_____
* Džjottø

** bjottø

S20, A20

Se S20 un attentato entri nella lista degli A20 diritto a una promozione.

E20, V20

Non credo a certi E20, come la notte dei morti V20.

Come si separa nonna?

figlia: papà mi aiuti a sillabare che domani ho la verifica?
Nautilus: certo
figlia: dimmi come si separa mamma
Nautilus: mam-ma
figlia: dimmi come si separa papà
Nautilus: pa-pà
figlia: dimmi come si separa Marina [mia sorella]
Nautilus: Ma-ri-na
figlia: ora dimmi come si separa nonna
Nautilus: quale delle due?
figlia: la nonna di qui
Nautilus: non-na
figlia: e la nonna in Lituania?
Nautilus: mo-to-se-ga

Il dialogo sopra ovviamente non è mai avvenuto, è però vero che questa mattina mia figlia e io abbiamo fatto un po’ di esercizi di sillabazione nel tragitto casa-scuola (lei era in macchina con mia moglie e io le parlavo in viva voce al telefono da casa*).
Mia figlia si sta dimostrando davvero molto brava nel suo primo anno di scuola e le insegnanti sono molto contente di lei. La sillabazione, tuttavia, sembra essere il primo vero scoglio che si è trovata davanti. Normalmente – escluse rare eccezioni – ha sempre i voti migliori della classe (in tutto sono 28 alunni), ma sulla sillabazione ha fatto una verifica molto scarsa e probabilmente è stata la peggiore di tutti. Cosa curiosa, perché – pensandoci – non so dire se questa difficoltà può essere collegata al suo bilinguismo o se le ragioni sono altrove.
In Lituano molti accenti cadono sulle consonanti e questo avrebbe dovuto favorirla, invece non è stato così. Per esempio, se “serpente” fosse una parola lituana avrebbe l’accento primario sulla “n” e quello secondario sulla “r” (è così anche in Toscano, solo che questa cosa pare non si possa dire, altrimenti si viene sbranati da chi sostiene che gli accenti sono solo sulle vocali); questa accentazione è perfetta per definire la divisione in sillabe: ser-pen-te.

_____
* da casa nostra a San Donato Milanese sono circa 20 minuti di viaggio e le esercitazioni mattutine (della durata di qualche minuto) sono una nostra abitudine; di solito lo facciamo per matematica e Inglese o per riprovare e rifinire poesie e filastrocche

Uccide la madre e la mangia a pezzi con il cane

Notizia letta ieri sull’ANSA. Se non si approfondisce il contenuto il titolo è ambiguo: il tizio mangia la madre e il cane (la madre magari a rappresentare il pasto principale e il cane a fare da contorno) o il tizio e il cane mangiano insieme la madre?

Il primo che fiata gli spezzo una clavicola

Come si chiama il costrutto sintattico usato nel titolo di questo post?

Voci precedenti più vecchie