Darius e Ramunė (1); quanto può bere un Lituano?

Nei giorni scorsi abbiamo avuto ospiti a casa nostra una ex capa di mia moglie (quando ancora viveva e lavorava in Lituania) e il di lei marito (secondo marito, per la precisione). Di loro parlerò nel secondo post, per ora mi limito a descrivere le loro abitudini alcoliche.

Rientro alla sera dopo una giornata in giro in visita a Milano, Pavia o Como.
Apertura di uno spumantino (gradazione: 10%), come primo aperitivo. Un bicchiere a mia moglie, il resto della bottiglia diviso tra loro due (io non amo le bollicine). Al termine, apertura di una bottiglia di Marzemino (gradazione: 12,5%), diviso esattamente a metà tra loro due, come secondo aperitivo.
Cena. Apertura della seconda bottiglia di Marzemino; un bicchiere a testa diviso tra noi quattro. Al turno del formaggio (i Lituani vanno pazzi per il gorgonzola spalmato sul pane) apertura della prima bottiglia di Cabernet-Sauvignon (gradazione: 12%). Un bicchiere a me e il resto della bottiglia diviso tra loro due (mia moglie non partecipa perché intenta a mettere a letto nostra figlia, laddove io, in precedenza, mi ero occupato di preparare la cena).
Dopo cena. Liquore lituano (gradazione: 40%); un bicchierino per me, uno per mia moglie, tre a testa per loro due.
Fine della cena; io e mia moglie andiamo a dormire. Loro restano alzati e aprono (e ovviamente bevono) la seconda bottiglia di Cabernet-Sauvignon.
Con qualche variante di vini queste sono state le quattro serate da domenica a mercoledì (sabato sera ci hanno offerto una cena in pizzeria e hanno bevuto pochissimo, solo io ho fatto un secondo giro di birra).

Annunci

Asse da stiro, cubo, piramide

Avete un cubo e una piramide. Prendete la piramide e la poggiate sopra l’asse da stiro, poi mettete a terra il cubo. La distanza in verticale tra il vertice della piramide e la superficie superiore del cubo è 1.700 mm. Poi prendete la piramide e la mettete a terra, mentre portate il cubo sopra l’asse da stiro. In questo caso la distanza in verticale tra la superficie superiore del cubo e il vertice della piramide è 1.300 mm.

Domanda 1: quanto è alta l’asse da stiro?
Domanda 2: riuscite a fornire il risultato corretto senza usare l’algebra?

e-Pope

Molto prevedibilmente la presidente dell’Estonia Kersti Kaljulaid ha concesso la e-residenza a Papa Francesco in occasione della visita di quest’ultimo a Tallinn. Mi domando cosa diavolo se ne faccia un Papa di una roba del genere.

Do you want girls?

Oggi il Papa è arrivato in visita in Lettonia. Mi sono detto: chissà dove alloggerà? E mi è venuta in mente la mia seconda volta* a Riga, nel Maggio 2001. Arrivati al bancone del Tia Hotel il tizio alla reception si è premurato di accertarsi se avessimo bisogno di compagnia femminile. Lo ha fatto con un giro di parole molto discreto, sobrio ed educato, e con modi eleganti, colti e raffinati: do you want girls?

_____
* la prima volta, nel 2000, ero stato all’elegantissimo e centralissimo Hotel Roma, dove certe cose non succedono (e se succedono non si vedono)

Ero lì che pensavo all’assenza del gerundio

Uno dei motivi per cui mi piace il Milanese è che è privo del gerundio. Per rendere gli stessi concetti si usano espressioni (i linguisti le chiamano “perifrasi progressive”) che, se toscanizzate, suonano come “essere lì che + imperfetto” (diffusa anche in Toscano) e “essere (a) dietro a + infinito” (confinata al solo Milanese).

Esempi:
l’era li che la spettava el tram* (stava aspettando il tram)
l’era a dre a catta i tomates** (stava raccogliendo i pomodori)

_____
* pronuncia: l’éra li ké la spéta:va él tram (gli accenti sono indicati dalle sottolineature, i due punti indicano il prolungamento della vocale)

** pronuncia: l’éra a dré a kata i tuma:tés

The Lithuovikings

Drinking like a sponge
Sleeping like a stone
Living like the apemen
Here we are, here we are
We are here, the Lithuovikings

Per ragioni ignote questa mattina, mentre ero sotto la doccia, mi sono ritrovato a cantare queste cinque strofe. Le prime tre con tonalità calante e cantinenante un po’ in stile Layne Staley (il defunto cantante degli Alice In Chains). Le ultime due in crescendo e un po’ più briose.

30÷5×6

Se provate a chiedere in giro ad amici, familiari e conoscenti scoprirete che secondo molti di loro 30÷5×6 fa 1. Che ovviamente è la risposta sbagliata.

Voci precedenti più vecchie