A tutta birra (briglia)

In questo post di ieri avevo parlato dell’errore di traduzione che ha generato il calco “aria condizionata”. Un altro errore di traduzione famoso è quello che sta dietro l’espressione “a tutta birra”, derivata dal francese “à toute bride”, cioè “a tutta briglia”, che infatti ha molto più senso.

Il presidente dell’Estonia va a funghi e si becca la Lyme

È accaduto all’inizio di Agosto. Il presidente Toomas Hendrik Ilves è stato colpito dalla malattia di Lyme dopo aver raccolto dei funghi in un bosco. La diagnosi è stata effettuata presso l’ospedale di Viljandi.

Colgo l’occasione di parlarne in questa sede per allertare gli eventuali turisti che decidano di dedicarsi ad attività di raccolta funghi e bacche durante il loro soggiorno in Lituania, Lettonia ed Estonia.
Si tratta di un passatempo interessante e molto divertente, che contribuisce tra l’altro a ripristinare quel contatto con la natura che dalle nostre parti (se escludiamo le aree alpine e prealpine) si è in gran parte perduto.
Il turista non è però consapevole del rischio zecche, che sono il mezzo attraverso cui la malattia si diffonde nell’uomo.
Al termine di una giornata passata nei boschi è molto importante spogliarsi e controllare la presenza di parassiti, facendosi anche aiutare da qualcuno per verificare parti non facilmente raggiungibili come la schiena.
Le zecche sono molto piccole ed è necessario fare un’ispezione abbastanza accurata. Non tutte sono veicolo di infezione, ma in ogni caso è bene rimuoverle quanto prima. E prendersi qualche zecca è più facile di quanto si possa immaginare. Quindi meglio saperlo prima.

Perché le armi bianche si chiamano così?

La spiegazione non è unica. Per i più sono chiamate armi bianche per i riflessi causati dalla luce del sole sulle parti metalliche. Per altri perché non provocano rumore. Altri ancora le definiscono per esclusione rispetto alle armi da fuoco.
L’ultima a me sembra la spiegazione più ragionevole, dal momento che la locuzione “white arms” esiste anche in Inglese, ma a essa viene preferita la variante “cold weapons”. In modo simile in Tedesco si usa “kalte waffen”. Il concetto di freddo si ritrova anche in altre lingue, tra cui Estone, Croato, Lituano, Neerlandese, Sloveno.

La Norvegia online

Un raro esempio di post con un elenco di siti veramente utili. Chi vuole info sulla Norvegia può consultare il post “App e Web: la Norvegia online” pubblicato sul blog Norvegiani di Biancamilla. Direi prescindibili solo i due delle ambasciate, gli altri sono da approfondire. Vista la mia passione per matematica e statistica ho naturalmente apprezzato il sito dello Statistikk Sentralbyra.

Aria condizionata: perché si dice “air conditioned” e non “conditioned air”?

Se avete incontrato da qualche parte la scritta “air conditioned” potreste esservi chiesti il perché di questa costruzione al posto della forma corretta “conditioned air”. Non c’è dubbio, infatti, che l’unica equivalenza possibile, stando alle regole della grammatica inglese, è proprio quella tra “aria condizionata”* e “conditioned air”. E allora da dove nasce questa curiosa inversione tra aggettivo e sostantivo? La risposta, per quanto sorprendente, è che siamo di fronte a un semplice e grossolano errore di traduzione.
In Inglese “air conditioned” è una locuzione con funzione aggettivale che precede sostantivi come room, lounge, bus, train e simili; per esigenze di contrazione, vista la chiarezza di significato (almeno per un anglofono), capita quasi sempre che il sostantivo venga omesso e che resti in piedi la sola locuzione aggettivale. Quando dunque vedete un autobus con scritto “air conditioned” sappiate che quella è la forma abbreviata di “air conditioned bus”. Da notare che, mentre per noi è condizionata l’aria, per un anglofono è il locale a essere condizionato, una differenza non da poco.

_____
* tecnicamente “aria condizionata” è un calco linguistico dall’Inglese

Arrampicarsi sulle vetrine

Dicesi “arrampicarsi sulle vetrine” il tentativo – a base di ragionamenti arditamente e sfrontatamente inverosimili – messo in atto da vostra moglie per convincervi che ha assolutamente bisogno dell’ennesimo paio di scarpe o dell’ennesima borsa.

Rovesciatrice di porta pepe e sale

Nuova attività preferita di mia figlia al ristorante, dopo quella di cancellatrice di lavagnette.

Voci precedenti più vecchie

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 63 follower