Le complicate origini lituane di Benjamin Netanyahu

Per chi fosse interessato segnalo questo articolo pubblicato oggi su Arutz Sheva.

Talk “to” o “with” the dead?

Ieri sera ho fatto addormentare mia figlia cantandole in modo quasi sussurrato Mr. Crowley di Ozzy Osbourne. L’inizio del brano è il seguente:

Mr. Crowley, what went on in your head?
Oh, Mr. Crowley, did you talk to the dead?

Salvo rarissime occasioni Ozzy ha sempre cantato “did you talk to the dead?”, ma la versione con “with” al posto di “to” è quella contenuta nei testi ufficiali che hanno accompagnato il disco* sin dalla sua prima pubblicazione avvenuta nel 1980.

La distinzione tra “talk to” e “talk with” dovrebbe essere abbastanza nota. Con “talk with” ci riferisce all’interezza di una conversazione; l’elemento caratterizzante è il fatto che lo scambio di informazione (che per semplicità supponiamo tra due soli soggetti) avviene in modo bidirezionale. Con “talk to”, invece, si focalizza l’attenzione su una parte ristretta della conversazione, cioè su un segmento temporale in cui lo scambio di informazione è in una sola direzione**.
Ci sono poi alcuni casi in cui le differenze sopra esposte appaiono più sfumate, e va considerato che in questo tipo di situazioni meno chiare l’Inglese britannico tende a preferire il “talk to” al “talk with”.
Nel caso dei morti, tuttavia, è evidente che l’unica forma ammessa è il “talk to”: i morti non possono rispondere. A meno che… a meno che il soggetto che si rivolge ai defunti non immagini che questi possano conversare con lui. Una situazione che rimanda immediatamente a certe patologie psichiatriche. Trattandosi di Aleister Crowley, però, si potrebbe anche vedere il “talk with” come un artificio poetico per rafforzare quegli aspetti esoterici che da sempre sono associati alla figura del più famoso occultista di tutti i tempi.

_____
* Blizzard Of Ozz

** stiamo qui ipotizzando un tipo di conversazione che si svolge lungo una successione temporale ordinata con scambi informativi alternati del tipo AB, BA, AB, BA, …, dove A e B sono i due soggetti; se si pensa alle tipiche tribune elettorali cui tocca assistere qui da noi (e sopratutto nella vicina Italia) ci rendiamo conto che questo modello non può essere impiegato, dal momento che è inadatto a rappresentare situazioni in cui tutti parlano quasi contemporaneamente sovrapponendosi l’un l’altro

La bandiera lettone di David Datuna

Post breve e veloce per ragioni di tempo. David Datuna è un artista statunitense di origini georgiane. Qui la sua pagina Wikipedia e qui il sito ufficiale. Questo articolo dà conto della cerimonia di inaugurazione della sua particolarissima bandiera lettone.

Se non ci ritorno è perché nel frattempo sono morto

La mia recensione su TripAdvisor della Cascina Guastalla di Noviglio.

Estonia, forte riduzione dei decessi dovuti a problemi cardiocircolatori

Qui i numeri. Una maggiore ricchezza pro-capite, una maggiore consapevolezza degli aspetti salutistici, un più ampio ricorso alla prevenzione medica e un miglioramento del regime alimentare evidentemente hanno cominciato a incidere in modo significativamente positivo sull’intera popolazione.  Le statistiche non fanno altro che confermare la tendenza in atto.

Giovani Estoni e informazione cartacea

Questo articolo analizza il rapporto di crescente indifferenza che i giovani Estoni vanno mostrando nei confronti dell’informazione cartacea.

Majd Kara, dalla Siria a Vilnius nel nome dell’arte

Una storia che merita di essere conosciuta.

Voci precedenti più vecchie

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 68 follower