Jau geriau viršyti svorį nei greitį

Nei circa 300 km di autostrada che separano Vilnius da Palanga oggi ci siamo imbattuti più volte nella nuova pubblicità degli autogrill Lukoil: “jau geriau viršyti svorį nei greitį” ovvero “(già) meglio far crescere il peso che non la velocità”, come dire… lo sappiamo che i nostri prodotti non sono esattamente salutari, ma è meglio fare una sosta, riposare un po’ e gustarsi un hotdog che non schiantarsi fuori strada contro un albero per un misto di stanchezza e velocità. E per un Lituano il messaggio può anche andare bene.

Bernardinų sodas

L’ultima volta che avevo fatto visita al centralissimo Bernardinų sodas ne ero rimasto profondamente deluso. Probabilmente era stato intorno al 2007-2009. Ora, dopo la radicale risistemazione del 2013*, i giardini dei Bernardini sono divenuti uno dei luoghi più belli di tutta Vilnius.
Oltre a essere una meta domenicale ideale per le famiglie e i loro bambini (giochi, giostre, fontane sonore, un laghetto, il fiume Vilnia, spaziosissime panchine-lettino in legno, chioschi di gelati) va segnalata la sezione dedicata all’esposizione botanica che, per quanto non molto estesa, si distingue per la qualità e la gradevolezza progettuali.
Presenti anche alcune statue e una scacchiera gigante.
Se siete nel centro di Vilnius una visita al parco è caldamente consigliata.

_____
* sovvenzionata in buona parte da fondi europei

Gnoci, gnocci, noci, nocci

Quest’estate qui in Lituania vanno di moda gli gnocchi come contorno ad alcuni piatti a base di pollo e tacchino. Quanto proposto consiste in realtà in semplicissime mini-crocchette di patate che nulla hanno a che fare con gli gnocchi cui siamo abituati noi; crocchette che, tra l’altro, c’erano anche gli anni scorsi ma che avevano un nome lituano (ed erano leggermente più grandi). La cosa curiosa, tuttavia, è il modo in cui i camerieri lituani pronunciano la parola “gnocchi”: gnocci, gnoci, nocci, noci, dove la “g” e la “n” del gruppo “gn” sono tenute separate come in gnoseologia. E, ancor più curioso, è il fatto che quando sentono la pronuncia corretta prima si stupiscono e poi provano a ripeterla, senza però riuscirsi. E così si finisce involontariamente nel comico.

Tullio Simoncini

Il fratello di mia moglie, che di recente va esibendo una pericolosa e preoccupante filosofia di vita caratterizzata da un miscuglio bislacco di salutismo e complottismo, mi ha parlato in questi giorni di tal Tullio Simoncini, un medico rivoluzionario secondo cui il cancro altro non sarebbe che… un fungo. E non uno qualsiasi, ma il fungo Candida albicans, proprio quella Candida che ama infestare le “patatine” delle fanciulle.
Sarà sufficiente dare un’occhiata alla pagina di Wikipedia dedicata a Simoncini e al suo libro per capire che siamo di fronte all’ennesimo fenomeno da baraccone e di fronde, anche se in questo caso ci sono pesantissime implicazioni penali.

Non ho un padre ma ho un nonno

Che animale sono?

Fuco drone

In Inglese “fuco” si dice “drone”.

Scrotone

La città più pallosa.

Voci precedenti più vecchie

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 62 follower